venerdì 10 gennaio 2014

Le prime immagini di un pianeta extra-solare


Dopo quasi un decennio di progettazione, costruzione e collaudo, ha iniziato il suo lavoro lo strumento più avanzato per la fotografia e 'analisi di pianeti in orbita attorno ad altre stelle. Si tratta del Gemini Planet Imager ( GPI ), installato in cile sul Gemini South Telescope con 8 metri di diametro, e verrà utilizzato per fotografie a contrasto elevato per studiare non solo pianetima anche dischi polverosi di accrescimento accanto a stelle luminose. Gli astronomi, hanno già realizzato le prime immagini dirette di una manciata di pianeti extrasolari adattando telecamere astronomiche costruite in precedenza per altri scopi.


Ecco le prime foto ottenute da questo magnifico strumento (sopra).
Si tratta delle prime immagini a luce diffusa di un disco di polveri in orbita intorno alla
giovane stella HR4796A, nella costellazione de centauro a circa 230 anni luce da noi e che brilla ad una magnitudine vicino a 23.
Si pensa che questo anello stretto sia costituito da polvere e asteroidi o comete, lasciati

dalla formazione del pianeta. Acuni scienziati hanno teorizzato che il bordo tagliente dell'anello sia causato da un pianeta invisibile. 
L'immagine di sinistra mostra la luce normale, che comprende sia l'anello di polvere e la luce residua dalla stella centrale (diffusa dalla turbolenza dell'atmosfera terrestre). 
L'immagine a destra invece mostra solo la luce polarizzata.

sotto altre immagini (non nel visibile) della stella HR4796A e del suo disco di accrescimento.

Clicca sulle immagini per ingrandirle






Alcune immagini potrebbero essere illustrazioni