sabato 31 marzo 2018

Glise 436b, un pianeta che brucia il ghiaccio!

Un pianeta extra-solare ricoperto di ghiaccio ardente! Gliese 436b, o il pianeta "dal ghiaccio ardente", è una delle contraddizioni più esotiche della conoscenza umana. Tuttavia, questa apparente contraddizione non è del tutto infondata. Ecco svelati i segreti di questo eso-pianeta così fuori dal comune.

Ma iniziamo dall'inizio. Gliese 436b è un pianeta extra-solare (o eso-pianeta) che ruota attorno alla stella nana rossa Gliese 436, una stella del tutto simile al Sole a 30 anni luce dalla Terra, nella costellazione del Leone.

Gliese 436b ha una massa e un raggio molto vicini a quelli di Urano. La differenza tra questo pianeta e Urano è a la distanza sorprendentemente vicina alla stella attorno alla quale ruota Gliese 436b: circa 3 milioni di chilometri.
Abbiamo parlato molto di urano in questo articolo: i misteri di Urano. Qui puoi scoprire la sua atmosfera e il mistero della sua posizione.
Anche se questa può sembrare una grande distanza, se la immergiamo nel Sistema Solare scopriamo che Mercurio, il pianeta più vicino al Sole e che subisce temperature talmente roventi da fondere il piombo, è a quasi 58 milioni di chilometri dal Sole. Riuscite a comprendere quanti pochi siano 4 milioni di chilometri? Glise 436b è praticamente attaccato alla sua stella!
E le stranezze non sono finite qui: Glise 436b sembrerebbe possedere anche una immensa coda simile a quella delle comete, ma ampia circa 50 volte le dimensioni della stella madre!


Ma torniamo alla cosa veramente strana di questo pianeta: la sua superficie ghiacciata nonostante la sua strettissima vicinanza alla propria stella.
Siamo abbastanza sicuri che il pianeta "dal ghiaccio ardente" si trovi così vicino alla sua stella perché le osservazioni attraverso il metodo del transito hanno stimato un periodo di rivoluzione intorno alla sua stella di solamente 2,5 giorni terrestri. E per avere questa altissima velocità la sua vicinanza deve quasi sicuramente essere quella.
Quindi, la temperatura superficiale di Glise 436b è di circa 450 gradi Centigradi. Ma il punto di ebollizione dell'acqua è 100 gradi C, Quindi come è possibile che attraverso le osservazioni spettroscopiche sia stata rilevata la presenza di ghiaccio?

Prima di tutto bisogna tener presente la posizione, le dimensioni e la massa del pianeta.
Per esempio, se Glise 436b fosse principalmente composto da gas come l'idrogeno e l'elio, il suo raggio sarebbe stato simile a quello di Giove, se non più grande.
D'altra parte, se i suoi principali costituenti fossero forme solide di roccia e metallo, le sue dimensioni sarebbero paragonabili a quelle della Terra, di Venere e di Marte.
Appena scoperto, l'ipotesi più accreditata era che il pianeta fosse un grande gigante gassoso, come Giove appunto, o forse anche più grande.
Si pensava anche che il pianeta si fosse formato molto più lontano dalla sua posizione attuale e che sia poi migrato verso la stella fino a raggiungere la sua elevata vicinanza. Questo avvicinamento e la conseguente influenza gravitazionale avrebbe provocato l'espulsione degli strati esterni di idrogeno verso la stella madre, riducendo così il diametro del pianeta alle sue dimensioni attuali.
Ma questa teoria fu accantonata una volta calcolato il raggio di Gliese 436b. Si comprese così che la presenza di strati di idrogeno ed elio erano necessari per spiegare un raggio planetario simile a quello di Urano.

Adesso gli gli astronomi e i planetologi hanno concluso che il ghiaccio presente su Gliese 436b è mantenuto solido a causa dell'enorme forza gravitazionale proveniente dal nucleo del pianeta.
Questa forza gravitazionale e la pressione, come avviene per i giganti gassosi del Sistema Solare, si intensificano sempre più a mano a mano che si scende in profondità, impedendo così all'acqua di evaporare come fa sulla Terra.

Oggi sappiamo che l'acqua può avere altri stati oltre alle tre forme più comunemente note sulla Terra. E l'acqua sul "pianeta dal ghiaccio ardente" è soggetta a condizioni che la rendono molto più densa del ghiaccio familiare che troviamo sul nostro pianeta.
Secondo le ipotesi dei planetologi lo stato dell'acqua su questo pianeta sarebbe quello di "Ice VII", cioè una forma di ghiaccio prodotta non dal freddo ma dalla forte compressione dell'acqua. Così, proprio come il carbonio si trasforma in diamante quando esposto a grandi quantità di temperatura e pressione, l'acqua di Gliese 436 b si trasformerebbe in ghiaccio, che però a causa della vicinanza alla stella madre, sarebbe estremamente caldo, rendendo il pianeta Glise 436b uno dei più affascinanti corpi celesti di cui siamo a conoscenza.

Gliese 436b, il pianeta che arde il ghiaccio, sarebbe quindi composto da un nucleo solido roccioso circondato da un altissimo strato di ghiaccio VII, ovvero acqua allo stato solido causato dalla forte compressione gravitazionale. Questo strato solido sarebbe grande quasi come il pianeta Urano e costituirebbe la maggior parte del diametro planetario.
L'altissima temperatura che subisce la faccia esposta alla luce della vicinissima stella madre, renderebbe bollente questa superficie ghiacciata. Sopra a alla superficie ghiacciata di Glise 436b c'è poi una vasta atmosfera di idrogeno, Elio e idrocarburi vari. E questa atmosfera non farebbe altro che aumentare il calore presente sulla superficie ghiacciata durante le ore diurne!

L'universo pullula di oggetti e spettacolari, che siamo fortunati a conoscere, grazie ai miglioramenti nella tecnologia spaziale. In effetti, Gliese 436b è stato classificato come uno dei pochi pianeti che batte la fantascienza.
Distanza dalla terra:30 anni luce
Costellazione:Leone
Stella madreGlise 436, nana rossa
Distanza dalla propria stella3 milioni di km
Dimensione:Urano/Nettuno
Tempo di percorrenza orbitale2,5 giorni terrestri